Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
mamma-vita-stanca
Stato d'animo

Le mamme vivono anche di notte

 

Tanto tempo fa, la donna che era, dormiva una notte completa anzi dormiva più del dovuto. Amavo quel posto. Sentire la coperta calda sopra di me, questo cuscino morbido che mi accoglieva a braccia aperte. Non mi rendevo conto che stava per finire, che mai più avrei avuto questo rapporto con lui, il mio letto. Non sapevo che le mamme vivono anche di notte…

 

Da quando sono mamma, ho un rapporto conflittuale con il mio letto. Considero la mia dormita notturna più come un riposino  spezzato ogni 2/3 ore.

Il tempo di addormentamento dipende da loro, le mie figlie. So benissimo che dovrei andare a letto quando si addormentano, perchè so cosa mi aspetterà.

Arriva questo momento in cui le stelle sono alte nel cielo, le mie figlie cullate dalla dolce melodia della luna.

So che in questo momento non sono più la madre ma la donna e mi concedo queste ore.

Ringrazio per questo momento di solitudine positiva per pensare solo a me e a noi.

Arriva il momento di coricarsi.

Controllo velocemente le bimbe, spesso anzi mi fiondo nel letto sperando di addormentarmi subito.

Purtroppo so già che questo momento sarà passeggero, lo so e lo sento.

Sembra che le bambine abbiano un allarme sotto il mio cuscino.

E cosi è.

Primo risveglio, ok un pò d’acqua e buona notte.

Mi riaddormento.

Ore 2.00

Pianto. Salto dal letto tale un camoscio. Piange, piange. Non so cosa vuole. Incubo, sette, coccole ? Sto con lei, sono sveglia.

Ore 3.00

La grande si sveglia e viene nel lettone. Ormai non chiede più niente. Si fa spazio da sola e buona notte.

Mi riaddormento.

Ore 4.30 circa.

La piccola piange, chiede di me. Sa che sono via, non mi sente più vicino. Urla, urla e non so perchè. Non so più chi sono, mi avvio ad occhi chiusi verso il suo letto

Chiede il latte ma io rifiuto, e sono ancora mezza addormentata. Non so più come mi chiamo. Il cervello è in pausa. Nella mia testa conto quante ora mancano al vero risveglio : mancano 3 ore.

Peccato che dopo due ore, ci risiamo di nuovo. Io sempre con lei nel suo letto perchè non avevo la forza di tornare nel letto.

I primi raggi di sole svegliano la casa, i primi rumori si fanno sentire.

E’ venuto il tempo di cominciare la giornata. Papà si sveglia anche lui ancora assonnato e sbadigliando.

Ti capisco tanto amor mio, ti capisco…[:]

Maman de 2 nénettes. Frenchy à Milan since 2006

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
fr_FRFrench it_ITItalian